Indietro  Ricerca per famiglia botanica

informazione  Selezionando una delle famiglie botaniche dalla casella sottostante si otterrà una lista delle erbe appartenenti alla famiglia botanica scelta.


DESCRIZIONE Apiaceae

Formula fiorale: K 5, C 5, A 5 G (2) (ovario infero)

La famiglia delle Apiaceae include circa 3000 specie distribuite prevalentemente nelle regioni temperate e subtropicali dell'emisfero boreale; si tratta in prevalenza di piante erbacee mentre soltanto qualcuna presenta un habitus arbustivo. Il fusto, articolato in nodi e internodi, presenta foglie alterne e per lo pi¨ divise. Una delle caratteristiche pi¨ salienti della famiglia Ŕ rappresentata dalle infiorescenze ad ombrella, semplice o composta; in quest'ultimo caso i raggi dell'ombrella non portano un singolo fiore ma ombrelle di II ordine dette ombrellette (umbellule). Le brattee poste alla base dell'ombrella formano l'involucro, mentre quelle alla base delle ombrellette costituiscono l'involucretto. L'infiorescenza pu˛ anche assumere l'aspetto di un capolino, per accorciamento dei raggi dell'ombrella (Eryngium). I fiori, per lo pi¨ bianchi, attinomorfi e nettariferi, sono generalmente piuttosto piccoli. La funzione vessillare, pertanto, Ŕ svolta dall'ombrella nel suo complesso e per questo motivo i fiori periferici possono presentarsi zigomorfi (e unisessuali o sterili) sviluppando notevolmente 1-2 petali (Tordylium apulum). Il verticillo calicino Ŕ ridotto a 5 dentelli e a volte pu˛ essere del tutto incospicuo. La corolla, dialipetala, Ŕ formata da 5 petali talvolta bilobi. L'androceo Ŕ costituito da un verticillo di 5 stami; l'ovario, infero, biloculare, comprende 2 carpelli, ciascuno con 2 ovuli di cui uno atrofizzato, ed Ŕ sormontato da 2 stili liberi, divergenti, che si dipartono da una struttura a cuscinetto (stilopodio) che persiste nel frutto.
Il frutto, diachenio, Ŕ costituito da 2 mericarpi, sostenuti da un carpoforo, e presentano una morfologia caratteristica per ogni specie, spesso utilizzata come carattere diagnostico (presenza di vallecole e vitte sulla superficie). I semi possiedono un piccolo embrione immerso in abbondante endosperma, ricco di grassi e proteine. I fiori, proterandrici, sono impollinati generalmente da insetti con proboscide corta come i ditteri, o da coleotteri, attratti dalla vistositÓ delle ombrelle e dal nettare prodotto dallo stilopodio.
L'importanza economica delle umbellifere Ŕ data essenzialmente dalla presenza di oli eterei in molte specie che, pertanto, vengono utilizzate come spezie, come piante aromatiche o come piante officinali; l'anice, Pimpinella anisum, l'aneto, Anethum graveolens, il cumino, Carum carvi, il coriandolo, Coriandrum sativum, il finocchio selvatico, Foeniculum piperitum, il prezzemolo, Petroselinum crispum, il sedano, Apium graveolens. Altre vengono coltivate come ortaggi, quali ad esempio la carota, Daucus carota, e il finocchio, Foeniculum vulgare. Altre ancora sono conosciute, invece, come potenti veleni quali la cicuta, Conium maculatum, e la cicuta acquatica, Cicuta virosa.

[Dipartimento di botanica - UniversitÓ di Catania]


29 Erbe nelle Apiaceae


ANETO
Anethum graveolens L.

Tossicità

NESSUNA



APPIO
Ammi majus L.

Tossicità

ALTISSIMA

ASSAFETIDA
Ferula asafoetida H.Karst. L.

Tossicità

NON ANCORA BEN DEFINITA

BUPLEURUM
Bupleurum falcatum L

Tossicità

NESSUNA

CAROTA
Daucus carota L.

Tossicità

NESSUNA

CARVI
Carum Carvi L.

Tossicità

BASSA



CICUTA
Conium maculatum L.

Tossicità

VELENOSA O LETALE


CUMINO DI MALTA
Cuminum Cyminum L.

Tossicità

BASSISSIMA

ERINGIO
Eryngium campestre L.

Tossicità

NESSUNA


FELLANDRIO
Oenanthe Phellandrium (L.) Lamk.

Tossicità

RELATIVA A QUANTO SPECIFICATO


GALBANO
Ferula gummosa Boiss.

Tossicità

NESSUNA





SANICOLA
Sanicula europaea L.

Tossicità

NESSUNA



SUMBUL
Ferula Sumbul Willd.

Tossicità

NESSUNA