Indietro  Scheda completa dell'erba

© I contenuti di questa pagina (escluse le immagini di pubblico dominio o concesse da terzi) sono di proprietà esclusiva dell'autore Alberto Tucci. Ne è vietata la copia, la riproduzione e l'utilizzo anche parziale in ogni forma.


rev. 10-07-2018

IPPOCASTANO
Aesculus Hippocastanum L.



LEGGERE LA SCHEDA IN TUTTE LE SUE SEZIONI PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE SULLE PRECAUZIONI D'USO

CLASSIFICAZIONE

Dominio: Eukaryota (Con cellule dotate di nucleo)
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (Piante vascolari)
Superdivisione: Spermatophyta (Piante con semi)
Divisione: Angiospermae o Magnoliophyta (Piante con fiori)
Classe: Magnoliopsida (Dicotiledoni)
Sottoclasse: Rosidae
Ordine: Sapindales
Famiglia: Sapindaceae
Sottofamiglia: Hippocastanoideae

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI
Castagno d´India, Marrone d´India, Castagna amara, Castagna cavallina, Falso Castagno, Hippocastaneo, Horsechestnut, Conkers, Rosskastanie, Marronier d´Inde, Castanheiro da India, Castaña de Indias, Rosskastanie, Roß-Kastanie, Jírovec Maal, Koský Katan, Hestekastanie, Hestekastanje, Wilde Kastanje, Wilde Paardekastanje, Balkaninhevoskastanja, Hevoskastanja, Agriokastania, Armonit Hasusim, Castan Porcesc, K kashtan Konskii, Pagatan Konský, Hästkastanj

SINONIMI DEL NOME BOTANICO
Hippocastanum vulgare Gaertn., Hippocastanum vulgare Tourn., Castanea equina Ger. Park. Ray. Hist., Aesculus castanea Gilib, Aesculus procera Salisb., Castanea folio multifido C.B.

DISTRIBUZIONE

DESCRIZIONE BOTANICA
ALBERO DECIDUO GRANDE CON FIORI BIANCHI MACCHIATI ALLA BASE DA GIALLO A ROSA

FIORITURA O ANTESI
Aprile, Maggio, Primavera

COLORI OSSERVATI NEL FIORE
________ BIANCO
________ ROSSO-VERMIGLIO

PERIODO BALSAMICO
Aprile, Settembre, Inizio Primavera, Fine Estate

DROGA UTILIZZATA
SEMI (IMPROPR. FRUTTI)

PRINCIPI ATTIVI
Saponine: argirescina, afrodescina, escina, criptoescina, ossicumarine, antocianine, purine, tannino, flavonoidi.

TOSSICITÀ
MEDIA

CONTROINDICAZIONI
PUR NON ESSENDO RARI, I CASI DI AVVELENAMENTO NON SONO MORTALI. L'INTOSSICAZIONE SI MANIFESTA CON NAUSEA, VOMITO, DIARREA FINO A GRAVI SINDROMI EMORRAGICHE. L´USO È CONTROINDICATO IN CASO DI INSUFFICIENZA RENALE. COME GLI ALTRI ANTIEMORRAGICI USARE SOTTO IL CONTROLLO MEDICO.

AVVERTENZE
QUESTA PIANTA RIENTRA NELLA LISTA DEL MINISTERO DELLA SALUTE PER L'IMPIEGO NON AMMESSO NEL SETTORE DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI.

INTERAZIONI O INCOMPATIBILITÀ
ALCALOIDI
FARMACI ANTICOAGULANTI
MUCILLAGINI
SALI DI METALLI PESANTI

EFFICACIA TERAPEUTICA
DIPENDENTE DALLE SPECIFICHE E DALLE FORME TERAPEUTICHE

ORGANI INTERESSATI DALL'AZIONE FITOTERAPICA
ANO
ARTERIE CORONARIE
CUOIO CAPELLUTO
CUORE
INTESTINO
MUSCOLI
NERVI E TRONCHI NERVOSI
ORGANI E-O TESSUTI DI VARI DISTRETTI CORPOREI
SANGUE
SISTEMA CIRCOLATORIO
SISTEMA ENDOCRINO
SISTEMA IMMUNITARIO
SISTEMA NERVOSO AUTONOMO (NEUROVEGETATIVO)
SISTEMA NERVOSO CENTRALE
SISTEMA NERVOSO ENTERICO
TENDINI
TESSUTO CONNETTIVO
TESSUTO CUTANEO
UTERO
UTERO E OVAIE
VASI SANGUIGNI
VASI SANGUIGNI CAPILLARI
VENE
VENE EMORROIDARIE

PROPRIETÀ E INDICAZIONI
ooKANTIEMORROIDARIO (USO ESTERNO)
ooKFLEBITE E VENE VARICOSE
ooKFLEBOTONICO
ooKINSUFFICIENZA CIRCOLATORIA E VENOSA
+++ALOPECIA O AREA E DEBOLEZZA DEI CAPELLI
+++EDEMI E VERSAMENTI
+++FRAGILITÀ CAPILLARE (APP.CIRCOLATORIO)
+++TRICOFILO
+++VASOPROTETTORE CAPILLAROTROFO
++CELLULITE
++CICATRIZZANTE O VULNERARIO
++CONTUSIONI DISTORSIONI E STRAPPI MUSCOLARI
++DIARREA
++DIARREA (ANTIDIARROICO ASTRINGENTE)
++DISMENORREA E OLIGOMENORREA
++EMMENAGOGO
++LESIONI CUTANEE - PIAGHE FERITE ABRASIONI E SCREPOLATURE (USO TOPICO)
++MIALGIE
++VASODILATATORE CORONARICO
+ANTISETTICO (USO ESTERNO)
+CORONAROPATIE
+DEPRESSIONE NERVOSA O PSICHICA
+ECZEMA
+EMOLITICO
+NEVRALGIE
+PARASIMPATICOMIMETICO
+TENDINITE E FIBROSITE
+VASOCOSTRITTORE

ERBE SINERGICHE
AMAMELIDE
CENTELLA ASIATICA
CRISANTELLO INDICO
ERIGERON
IDRASTE
KARKADÈ
MELILOTO
PILOSELLA
PUNGITOPO
RATANIA DEL PERÙ
ROVERE
VERBASCO
VIBURNO
VITE ROSSA

ESTRATTI
  • Ippocastano pomata
    al 20%
  • Ippocastano Tintura Madre
    E´ Preparata DAL SEME CON IL TEGUMENTO TIT.ALCOL.65° - ESISTE ANCHE LA PREPARAZIONE DA INFIORESCENZE FRESCHE tit.alcol.55° XXX gtt 3 volte al giorno
  • Ippocastano Tisana [uso esterno]
    L´uso non ha riscontri di efficacia e sicurezza 6 g in 100 ml di acqua bollente
  • Ippocastano Estratto Secco titolato
    Ottenuto dai semi e titolato in escina [10%] ed esculina Posologia media giornaliera: 100-150 mg di glucosidi

  • TISANE O COMPOSIZIONI
    IMPACCHI EMORROIDI

    Vino di Ippocastano
    Macerare in un litro di vino bianco o marsala, 40 g di corteccia di Ippocastano triturata.Agitare almeno una volta al giorno e filtrare dopo 10 giorni. Due bicchierini al giorno da prendere dopo i pasti principali.
    Si consiglia di sentire il proprio medico prima di assumere questo preparato e di evitarne l'uso in caso di divieto di assunzione di bevande alcoliche.
    [Tratto da: I Vini Medicinali - Eraclio Fiorani, Roberto Fedecostante - Edizioni CHI-NI Macerata]

    NOTE DI FITOTERAPIA
    Si usano cataplasmi dei semi preferibilmente freschi da applicare sulle parti interessate da problemi venosi - emorroidali - varicosi e contusioni . Per uso interno è consigliato usare l´estratto secco titolato in escina e esculina ottenuto dai semi che ha provata sicurezza ed efficacia.


    Sorveglianza alle reazioni avverse
    ESTRATTO VEGETALE NON AMMESSO NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI
    PIANTA SEGNALATA

    UTILE DA SAPERE
    PIANTE RICCHE IN TANNINI
    Le piante con alto contenuto in tannini come Bistorta, Ratania, Tormentilla, Amamelide, Pungitopo, Quercia, Myrica, ecc. hanno proprietà antisettiche, antivirale, vasocostrittrice e analgesica locale. Una fonte ricca di tannini da cui si estrae l'acido tannico sono le "galle" formate da alcune specie di insetti (Cynips gallae-tinctoriae Olivier) su rametti di alcune querce del Medio oriente. I tannini in genere svolgono un'attività antiinfiammatoria sulle mucose e sono indicate in modo particolare per l'uso topico in gargarismi, sciacqui, semicupi e lavande contro forme diarroiche, ragadi, emorroidi, fistole e flogosi del cavo orofaringeo. Tuttavia in alte dosi o per periodi prolungati possono determinare infiammazioni gastrointestinali, nausee e vomito. Gli effetti tossici dell'acido tannico comprendono il danno letale al fegato (causato dall'acido digallico presente come impurità) quando è usato in clisteri o su scottature.
    Tratto da: Enrica Campanini "Dizionario di fitoterapia e piante medicinali"; A.Y. Leung & S. Foster "Enciclopedia delle piante medicinali"

    ANNOTAZIONI
    I frutti dell´Ippocastano erano considerati efficaci contro la tosse dei cavalli - infatti il nome di origine greca significa ´castagna del cavallo´.



    BIBLIOGRAFIA E ARTICOLI SCIENTIFICI SUL WEB

       

    REGALACI IL TUO CONTRIBUTO

    Low resolution image for educational use by Botaniske undervisningstavler - BIOLOGISK INSTITUT - KØBENHAVNS UNIVERSITET

    Low resolution image for educational use. Courtesy José Manuel Sánchez

    Low resolution image for educational use. Courtesy José Manuel Sánchez

    Foto modificata per uso didattico. Dipartimento Botanico Università di Catania

    Low resolution image for educational use. Courtesy José Manuel Sánchez

    Foto modificata per uso didattico. Gentile concessione del Centro Clinico Medicina Naturale (naturamedica.net)

    Low resolution image for educational use. Courtesy Denis Ziegler

    Low resolution image for educational use. Courtesy Denis Ziegler

    Low resolution image for educational use. Courtesy Herbier Philatélique Pierre Guertin Philatelic Herbarium


    Foto e Immagini
    di IPPOCASTANO
    su