Indietro  Scheda completa dell'erba

© I contenuti di questa pagina (escluse le immagini di pubblico dominio o concesse da terzi) sono di proprietà esclusiva dell'autore Alberto Tucci. Ne è vietata la copia, la riproduzione e l'utilizzo anche parziale in ogni forma.


rev. 11-07-2018

SASSAFRASSO
Sassafras albidum (Nutt.) Nees



LEGGERE LA SCHEDA IN TUTTE LE SUE SEZIONI PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE SULLE PRECAUZIONI D'USO

CLASSIFICAZIONE

Dominio: Eukaryota (Con cellule dotate di nucleo)
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (Piante vascolari)
Superdivisione: Spermatophyta (Piante con semi)
Divisione: Angiospermae o Magnoliophyta (Piante con fiori)
Classe: Magnoliopsida (Dicotiledoni)
Sottoclasse: Magnoliidae
Ordine: Laurales
Famiglia: Lauraceae

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI
Sassafrasso d´America, Lauro Degl'irocchesi, Sassafrax, Cinnamonwood, Filè Powder, Gumbo Filé, Mitten Tree, Saxifras, Tea Tree, White Sassafras, Ague tree bark, Laurier des Iroquois, Fenchelholzbaum, Sassefras, Sasafrasa, Szasszafrász Babérfa, Sassafurasu, Sasapareosu, Sasafras Lekarski, Lavr Amerikanskij, Sassafrasové Listy,

...altri nomi su Gernot Katzer's Spice pages

SINONIMI DEL NOME BOTANICO
Sassafras officinale Nees., Laurus sassafras L., Sassafras sassafras (L.) Karsten., Sassafras variifolium (Salisb.) Kuntze

DESCRIZIONE BOTANICA
ALBERO DECIDUO ALTO FINO A 40 M- AROMATICO

COLORI OSSERVATI NEL FIORE
________ GIALLO-CHIARO
________ GIALLO-VERDASTRO


DROGA UTILIZZATA
CORTECCIA DELLA RADICE

ERBA ALTERNATIVA
VERGA D´ORO

SAPORE
GUSTOSO

TOSSICITÀ
MEDIO-ALTA

CONTROINDICAZIONI
DA USARE SOLAMENTE SU PRESCRIZIONE MEDICA

AVVERTENZE
L'OLIO ESSENZIALE HA UNA FORTE TOSSICITÀ: PARE CHE VI SIANO STATI AVVELENAMENTI DI BAMBINI PER INGESTIONE DI POCHI GRAMMI. IL SAFROLO-A DOSI ELEVATE PUÒ PROVOCARE MORTE PER DEGENERAZIONE DEL CUORE-FEGATO E RENI.

EFFICACIA TERAPEUTICA
DIPENDENTE DALLE SPECIFICHE E DALLE FORME TERAPEUTICHE

ORGANI INTERESSATI DALL'AZIONE FITOTERAPICA
APPARATO URO-GENITALE
BOCCA
BRONCHI E BRONCHIOLI
CAVO ORO-FARINGEO
FARINGE E VIE AEREE SUPERIORI
FEGATO E VIE BILIARI
GOLA
GONADI (TESTICOLI E OVAIE)
LARINGE
MUCOSE NASALI
ORGANI E-O TESSUTI DI VARI DISTRETTI CORPOREI
ORGANI EMUNTORI
ORGANI GUSTATIVI
ORGANI SESSUALI E RIPRODUTTIVI
OSSA - CARTILAGINI - ARTICOLAZIONI
PENE
POLMONI
RENI
SANGUE
SENI PARANASALI
SISTEMA CIRCOLATORIO
SISTEMA ENDOCRINO
TESSUTO CUTANEO
TESTICOLI
TUTTO IL CORPO
UTERO E OVAIE
VAGINA
VASI SANGUIGNI
VESCICA URINARIA
VIE RESPIRATORIE
VIE URINARIE

PROPRIETÀ E INDICAZIONI
++ACNE (DEPURATIVO)
++BALSAMICO RESPIRATORIO
++COLESTEROLO (IPERCOLESTEROLEMIA - IPERTRIGLICERIDEMIA - IPERLIPIDEMIA)
++DEPURATIVO DRENANTE
++DIURETICO
++FORUNCOLOSI
++INFEZIONI (VIE RESPIRATORIE)
++INFIAMMAZIONI (APPARATO URO-GENITALE)
++INFIAMMAZIONI (CAVO ORALE)
+AROMATIZZANTE
+GOTTA
+INFEZIONI (CAVO OROFARINGEO)
+INTOSSICAZIONI E AVVELENAMENTI ANCHE DA ALCOL
+IPERTENSIONE ARTERIOSA (IPOTENSIVO)
+REUMATISMI E DOLORI REUMATICI

ESTRATTI
  • Sassafrasso Estratto Fluido
    1 g=XLI gtt
  • Sassafrasso Tintura Madre
    Preparata dalla corteccia della radice essiccata tit.alcol.65°

  • NOTE DI FITOTERAPIA
    Il componente tossico dell´olio essenziale di Sassafrasso è il safrolo - che ha proprietà neurotossiche. A dosi elevate provoca paralisi respiratoria preceduta da forte depressione circolatoria. Su cavie ha dimostrato di essere epatocancerogeno.



    UTILE DA SAPERE
    PIANTE RICCHE DI SAPONINE
    Le saponine sono presenti in molte piante ed hanno proprietà fisiche (tensioattive) e fisiologiche. Sono irritanti sulle mucose e provocano emolisi se iniettate per endovena. La loro assunzione per bocca non rappresenta un pericolo (eccetto che per le sapotossine) perché vengono assorbite dalle mucose interne in piccolissime quantità . Le saponine hanno soprattutto azione espettorante indotta per riflesso dell'irritazione modica della mucosa gastrica, in un secondo tempo stimolano la tosse favorendo l'espulsione del catarro e il riassorbimento dello stesso. Altre azioni secondarie sono quelle diuretica, depurativa, diaforetica e spermicida. Inoltre le saponine facilitano l'assorbimento di altri principi attivi. Le piante che le contengono sono: Salsapariglia, Digitale, Salsapariglia, Saponaria, Poligala, Quillaia, Edera, Liquirizia, Yucca, Bupleurum, ecc.
    Tratto da: Enrica Campanini "Dizionario di fitoterapia e piante medicinali"

    Le piante ricche in saponine sono da evitare in caso di alcune patologie come: malassorbimento lipidico, carenza di vitamine liposolubili, celiachia, irritazione della mucosa gastrica e con ferite aperte.



    BIBLIOGRAFIA E ARTICOLI SCIENTIFICI SUL WEB

       

    REGALACI IL TUO CONTRIBUTO

    Hermann Adolph Köhler (1834-1879)


    Foto e Immagini
    di SASSAFRASSO
    su