Indietro  Scheda completa dell'erba

© I contenuti di questa pagina (escluse le immagini di pubblico dominio o concesse da terzi) sono di proprietà esclusiva dell'autore Alberto Tucci. Ne è vietata la copia, la riproduzione e l'utilizzo anche parziale in ogni forma.


rev. 04-07-2018

CILIEGIO
Prunus avium L. var.



LEGGERE LA SCHEDA IN TUTTE LE SUE SEZIONI PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE SULLE PRECAUZIONI D'USO

CLASSIFICAZIONE

Dominio: Eukaryota (Con cellule dotate di nucleo)
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (Piante vascolari)
Superdivisione: Spermatophyta (Piante con semi)
Divisione: Angiospermae o Magnoliophyta (Piante con fiori)
Classe: Magnoliopsida (Dicotiledoni)
Sottoclasse: Rosidae
Ordine: Rosales
Famiglia: Rosaceae

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI
Durone, Juliana, Amarena, Visciola, Marasca, Gean, Heart cherry, Sweet cherry, Mazzard cherry, Fugle kirsebær, Vogelkirsche, Cereja doce, Cereja galega, Kirsche, Cerasorum stipites

SINONIMI DEL NOME BOTANICO
Cerasus avium (L.) Moench, Cerasus dulcis Gaertn.

HABITAT
Originario dell'Europa e diffuso in tutta Europa fino alla Russia, nelle zone montane dell'Asia minore e del Marocco, nel Caucaso e nell'Himalaya. In Italia necessita di un clima forestale stabile e non è raro trovarlo nelle prossimità di boschi di latifoglie su suoli non troppo secchi.

DISTRIBUZIONE

DESCRIZIONE BOTANICA
GRANDE ALBERO DECIDUO CON CORTECCIA LEVIGATA PORPORA-MARRONE. FOGLIE GLABRE, ALTERNATE, OVOIDALI ACUMINATE SEMPLICI, VERDE-BRILLANTE SUPERIORMENTE CHE DIVENTANO ROSSE PRIMA DI CADERE. INFIORESCENZE IN CORIMBI CHE PORTANO FIORI BIANCHI ERMAFRODITI PEDUNCOLATI. LA CILIEGIA È UNA DRUPA CARNOSA COMMESTIBILE.

FIORITURA O ANTESI
Aprile, Maggio, Primavera

COLORI OSSERVATI NEL FIORE
________ BIANCO


PERIODO BALSAMICO
Maggio, Primavera

DROGA UTILIZZATA
PEDUNCOLI DELLE CILIEGIE ACIDULE

PRINCIPI ATTIVI
Acido malico

ERBA ALTERNATIVA
AMARENA

SAPORE
AMARO POCO AROMATICO

TOSSICITÀ
NESSUNA

CONTROINDICAZIONI
NESSUNA CONTROINDICAZIONE ALLE DOSI TERAPEUTICHE NORMALI ECCETTO IPERSENSIBILITA´ INDIVIDUALE.

EFFICACIA TERAPEUTICA
NORMALE

ORGANI INTERESSATI DALL'AZIONE FITOTERAPICA
FEGATO E VIE BILIARI
ORGANI EMUNTORI
RENI
TESSUTO CUTANEO
TUTTO IL CORPO
VIE URINARIE

PROPRIETÀ E INDICAZIONI
+++DIURETICO
++ALIMENTO
+DEPURATIVO DRENANTE

Vino di peduncoli di Ciliegie
Prendere grammi 50 di peduncoli di ciliegie e farli macerare per una settimana in un litro di ottimo vino bianco. Filtrare. Tre bicchierini da marsala al giorno lontano dai pasti.
Si consiglia di sentire il proprio medico prima di assumere questo preparato e di evitarne l'uso in caso di divieto di assunzione di bevande alcoliche.
[Tratto da: I Vini Medicinali - Eraclio Fiorani, Roberto Fedecostante - Edizioni CHI-NI Macerata]



  PIANTA MELLIFERA

CARATTERISTICHE DEL MIELE
Miele monoflora. Il colore è piuttosto variabile da molto chiaro, fino a ambrato scuro, odore e aroma di media intensità, caratteristici, che richiamano quelli del nocciolo della ciliegia, lo zucchero caramellato, il croccante di mandorle.
[Autore: Dott.ssa Maria Lucia Piana]
Tratto da: api.entecra.it - Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura

FITOALIMURGIA (uso in cucina)
Frutti:
 • Consumati crudi e freschi
 • Per preparazione di marmellate e confetture
 • Spremuti o centrifugati per bevande nutraceutiche

UTILE DA SAPERE
FRUTTA ACIDULA
La categoria della frutta acidula è ricca di acidi organici, in particolare di acido malico. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare ha azione alcalinizzante per l'organismo perché gli acidi deboli, con l'ossidazione, generano acido carbonico che, combinandosi con il Sodio e il Potassio nel sangue, forma carbonati e bicarbonati: questi aumentano la riserva alcalina dell'organismo, utile difesa occorrente a neutralizzare acidi diversi che possono formarsi in seguito a condizioni morbose. D'altra parte gli stessi acidi organici formano sali di vario tipo (es. ossalati) che possono essere di importanza rilevante in caso di calcolosi renale.
Tratto da: Enrica Campanini "Dizionario di fitoterapia e piante medicinali"

ANNOTAZIONI
Plinio il Vecchio distingue tra Prunus, l'albero, e Cerasus, l'albero delle ciliegie. Plinio aveva già descritto un certo numero di coltivazioni ed alcune specie citate, Aproniana, Lutatia, Caeciliana, eccetera. Plinio le distingue per il sapore da dolce a aspro. Egli afferma che prima che il console romano Lucio Licinio Lucullo sconfiggesse Mitridate nel 74 a.C., Cerasia ... non fuere in Italia, "Non vi erano ciliegie in Italia". Secondo lui fu Lucullo ad introdurle dal Ponto e nei 120 anni trascorsi da allora il ciliegio si era espanso attraverso l'Europa fino alla Britannia. I semi di un certo numero di specie di ciliegie sono stati tuttavia trovati in ritrovamenti archeologici dell'età del bronzo ed in siti archeologici romani in tutta Europa. Il riferimento a "dolce" e "aspro" sostiene la moderna teoria che "dolce" fosse riferito al Prunus avium; non vi sono altri candidati trovati tra le ciliegie. Nel 1882 Alphonse de Candolle affermò che semi di Prunus avium furono ritrovati nella cultura terramare del nord Italia (1500-1100 a.C.) e in alcuni villaggi archeologici svizzeri di palafitte. De Candolle riguardo Plinio afferma: «Poiché questo errore è perpetuato dalla sua ripetizione incessante nella scuola classica, si deve affermare che gli alberi di ciliegio (almeno quelli di Prunus avium) esistevano in Italia prima di Lucullo, e che il famoso gourmet non ha bisogno di andare così lontano per cercare le specie dai frutti con il sapore amaro.» De Candolle suggerisce che quello che Lucullus portò era un particolare tipo di Prunus avium del Caucaso. L'origine del P. avium è ancora una questione aperta. Le moderne ciliegie coltivate differiscono da quelle selvatiche per la dimensione del frutto più grande, 2-3 cm di diametro. Gli alberi sono spesso coltivati in terreni duri per mantenerli più piccoli e per facilitare il raccolto.
[Tratto da: it.wikipedia.org/wiki/Prunus_avium]

Vedi anche AMARENA.
La varietà 'Duracina' ha i frutti grossi a polpa croccante (durone); la varietà 'Juliana' ha i frutti più molli con succo rosso scuro (ciliegia propriamente detta). In erboristeria vengono usati i peduncoli (piccioli) delle ciliegie acidule e sono preferiti quelli che mantengono il colore verde anche secchi. In farmacia dai frutti freschi viene preparato lo sciroppo di ciliege.




BIBLIOGRAFIA E ARTICOLI SCIENTIFICI SUL WEB

   

REGALACI IL TUO CONTRIBUTO

Autore: E. De Leo

Illustration by Zelimir Borzan

Prunus avium

Photo by Acocks JPH

Foto modificata per uso didattico. Dipartimento Botanico Università di Catania

Autore: A.Tucci

Low resolution image for educational use. Courtesy Denis Ziegler


Foto e Immagini
di CILIEGIO
su