Indietro  Scheda completa dell'erba

© I contenuti di questa pagina (escluse le immagini di pubblico dominio o concesse da terzi) sono di proprietà esclusiva dell'autore Alberto Tucci. Ne è vietata la copia, la riproduzione e l'utilizzo anche parziale in ogni forma.


rev. 27-07-2017

CHARANTIA
Momordica charantia L.



LEGGERE LA SCHEDA IN TUTTE LE SUE SEZIONI PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE SULLE PRECAUZIONI D'USO

CLASSIFICAZIONE

Dominio: Eukaryota (Con cellule dotate di nucleo)
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (Piante vascolari)
Superdivisione: Spermatophyta (Piante con semi)
Divisione: Angiospermae o Magnoliophyta (Piante con fiori)
Classe: Magnoliopsida (Dicotiledoni)
Sottoclasse: Dilleniidae
Ordine: Violales
Famiglia: Cucurbitaceae

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI
Momordica, Melone Amaro, Zucca Amara, Bitter Melon, Bitter Gourd, Kugua, Pparya, Pare Ayam, Pavayka, Kayppayka, Goya, Nigauri, Paakharkaai, Korola, Karela, Ampalaya, Muop Dang, Kho Qua, Caraille, Carilley, Carilla, Cerasee, Hagalkai, Balsam Pear, Band Carilla

HABITAT
Asia ed Africa tropicale e sub-tropicale

DESCRIZIONE BOTANICA
PIANTA ERBACEA RAMPICANTE ANNUALE ALTA FINO A 5M

FIORITURA O ANTESI
Giugno, Luglio, Fine Primavera, Estate

COLORI OSSERVATI NEL FIORE
________ GIALLO
________ GIALLO-CHIARO


DROGA UTILIZZATA
FOGLIE - FRUTTI - SEMI

PRINCIPI ATTIVI
Momordicina I e II, cucurbitacina, glicosidi (momordina, charantina, charantosidi, goiaglicosidi, momordicosidi, composti terpenoidi (momordicina-28, momordicinina, momordicillina, momordenolo, momordolo), proteine citotossiche come momorcharina e momordina, beta-carotene, Vitamine A, B1, B2, C, ferro

ODORE
SGRADEVOLE

SAPORE
AMARO

TOSSICITÀ
RELATIVA A QUANTO SPECIFICATO

CONTROINDICAZIONI
FAVISMO (A CAUSA DELLE "VICINE" CONTENUTE NEI SEMI). NON FAR INGERIRE I SEMI AI BAMBINI ED EVITARE L'USO IN GRAVIDANZA.

AVVERTENZE
ANCHE SE LARGAMENTE USATA COME ALIMENTO SI CONSIGLIA -PER L'USO FITOTERAPICO- DI ASSUMERE SOTTO CONTROLLO DEL MEDICO, IN QUANTO GLI ESTRATTI, STUDIATI IN VITRO, NON SONO ANCORA STATI TESTATI CLINICAMENTE.

EFFICACIA TERAPEUTICA
DIPENDENTE DALLE SPECIFICHE E DALLE FORME TERAPEUTICHE

ORGANI INTERESSATI DALL'AZIONE FITOTERAPICA
BOCCA
CUORE
INTESTINO
ORGANI E-O TESSUTI DI VARI DISTRETTI CORPOREI
PANCREAS
SISTEMA IMMUNITARIO
TUTTO IL CORPO

PROPRIETÀ E INDICAZIONI
ooKALIMENTO
?ANTIPARASSITARIO VEGETALE
?CARDIOPATIE O AFFEZIONI CARDIACHE
?DIABETE MELLITO
?HERPES SIMPLEX 1 (LABIALE)
?HIV
?IMMUNODEFICIENZA SECONDARIA O INSUFFICIENZA IMMUNITARIA E MALATTIE AUTOIMMUNI
?PARASSITI INTERNI (VERMI - NEMATODI)
?TUMORE MALIGNO o CANCRO
++GLICEMIA (IPOGLICEMIZZANTE)
++IMMUNOSTIMOLANTE IMMUNOMODULANTE
++MALARIA E FEBBRI MALARICHE

Proprietà antitumorali per Momordica charantia L.

NOTE DI FITOTERAPIA
Due composti estratti dala Charantia, acido α-eleostearico (dai semi) e l'acido 15,16-diidrossi-α-eleostearico (dal frutto), inducono l'apoptosi delle cellule leucemiche in vitro. Diete contenenti 0,01% di olio di Charantia (0,006% di acido α-eleostearico) prevengono la carcinogenesi del colon indotta nei ratti. I test con estratti di foglie hanno dimostrato attività in vitro contro l'herpes simplex di tipo 1 del virus. I test di laboratorio suggeriscono che i composti di Charantia potrebbero essere efficaci per il trattamento dell'infezione da HIV e che l'ingestione del frutto sia in grado di compensare gli effetti negativi degli stessi farmaci anti-HIV.

[Tratto da Fitoterapia33 10-04-2016]
"I momordicosidi contenuti nella Momordica charantia sono in grado di stimolare la traslocazione del trasportatore GLUT4 alla membrana negli adiposità, e di momordicilina e momordenolo, che inibiscono invece una glicogeno sintesi chinasi (GSK-3); il polipeptide-p infine ha dimostrato effetti ipoglicemizzanti in vivo. Un altro importante componente attivo recentemente scoperto è un polipeptide in grado di attivare il recettore dell'insulina, detto mcIRBP, il cui meccanismo d'azione è stato oggi pienamente delucidato. La frazione attiva di questo peptide è il residuo di 19 aminoacidi carbossiterminale, caratterizzato da una struttura beta-hairpin in grado di interagire con il recettore insulinico (IR) ed incrementarne la sensibilità all'insulina. Si ottiene così sia -in vitro- un aumento dell'intake di insulina da parte di cellule adipose in coltura, sia -in vivo- una aumentata clearance del glucosio ed una incrementata tolleranza in topi diabetici di tipo 1 e di tipo 2. Studi in database proteomici hanno infine rivelato che motivi simili per sequenza e struttura tridimensionale sono contenuti in peptidi presenti in molte specie vegetali quali zucca, riso, pompelmo, vite e rosmarino. Lo studio, ancorché precilinico, è molto interessante non solo per la buona qualità metodologica espressa ma anche per il potenziale impatto su una delle patologie più diffuse al mondo, che affligge 387 milioni di persone e causa quasi 5 milioni di morti l'anno causando inoltre ingentissime spese per qualsiasi sistema sanitario nazionale. Confermando questi studi sull'uomo si potrebbe infatti produrre una nuova classe farmaceutica dal basso costo e dagli scarsissimi effetti collaterali."
[Lo,H., et al. Food Chem. 2016 Aug 1;204:298-305. doi: 10.1016/j.foodchem.2016.02.135.]

[Matteo Floridia CERFIT Biotecnologo
AOU Careggi - Università di Firenze]



FITOALIMURGIA (uso in cucina)
Frutti (nella cucina cinese):
 • In fritture con carne di maiale e douchi
 • In zuppe
Frutti (nella cucina asiatica):
 • Con yoghurt, patate, cocco, arachidi, curry, spezie, carne macinata o nel sabji, nel thoran / thuvaran, nel pachadi, ecc.
Frutti (nella cucina indonesiana):
 • Nel gado-gado o in latte di cocco o al vapore
Frutti (nella cucina vietnamita):
 • Con carne secca o gamberi o farcito con carne di maiale macinata
Frutti (nella cucina filippina):
 • In padella con carne macinata di manzo e salsa di ostriche, oppure con uova e pomodoro a dadini o con melanzane, gombo, fagiolini, pomodori, fagioli e altri ortaggi vari
Frutti (nella cucina nepalese):
 • Cotto in padella, ammorbidito e tritato in un mortaio con qualche spicchio d'aglio, sale e un peperone rosso o verde
Giovani germogli e foglie:
 • In insalate o come verdure

Il frutto è simile al cetriolo ed è molto consumato in Cina e in Asia. Viene utilizzato intero ancora verde o appena igiallito oppure solamente il sua midollo, in insalate, quando è più maturo. La consistenza della polpa ricorda molto il cetriolo, ma di sapore amaro.

ANNOTAZIONI
Esistono molte varietà di melone amaro che producono frutti diversi in dimensione e forma della scorza: dal fenotipo cinese di 20-30 cm, verde chiaro con una superficie verrucosa, leggermente ondulato a quello indiano con estremità appuntite e creste sulla buccia. La Charantia produce uno dei frutti più amari esistenti.



BIBLIOGRAFIA E ARTICOLI SCIENTIFICI SUL WEB

   

REGALACI IL TUO CONTRIBUTO

Francisco Manuel Blanco (1778 - 1845)

Autore: Dalgial

Autore: B.navez

Autore: Challiyan
Frutto immaturo


Autore: Fred Hsu

Autore: J.Stander

Autore: H. Zell

Photo by
Pankaj Oudhia


Autore: Eran Finkle

Photo by
Pankaj Oudhia



Foto e Immagini
di CHARANTIA
su